FAIL (the browser should render some flash content, not this).
 86 visitatori online
mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi81
mod_vvisit_counterAjere715
mod_vvisit_counterStà semmana81
mod_vvisit_counterA' semmana passata6038
mod_vvisit_counterStù mese12134
mod_vvisit_counterO' mese passate18442
China flag 16%China
Ukraine flag 14%Ukraine
Russian Federation flag 14%Russian Federation
United States flag 12%United States
European Union flag 9%European Union
Italy flag 8%Italy
Poland flag 6%Poland
Germany flag 3%Germany
Turkey flag 2%Turkey
Brazil flag 2%Brazil
Sweden flag 2%Sweden
France flag 1%France
United Kingdom flag <1%United Kingdom
Lithuania flag <1%Lithuania
Netherlands flag <1%Netherlands
Luxembourg flag <1%Luxembourg
Romania flag <1%Romania
Israel flag <1%Israel
Moldova, Republic of flag <1%Moldova, Republic of
British Indian Ocean Territory flag <1%British Indian Ocean Territory
Belarus (Byelorussia) flag <1%Belarus (Byelorussia)
Seychelles flag <1%Seychelles
Thailand flag <1%Thailand
Indonesia flag <1%Indonesia
Businesses flag <1%Businesses
Don Peppe Diana
Scritto da Scout Nautici Portici 3   

 

 

“La strada è ancora più blu”, marcia per onorare il sacerdote, ucciso dalla camorra il 19 marzo 1994

Don Peppe, Scout coraggioso, “Per amore del mio popolo”

Casal di Principe invasa dagli Scout, provenienti da tutti gli angoli della Campania

 

 

Casal di Principe (Ce) - Domenica 16 marzo noi Lupetti e Lupette più grandi del Branco “Seeonee” del Portici 3 abbiamo vissuto una giornata particolare: siamo andati a Casal di Principe, vicino Caserta, per partecipare assieme a tanti altri fratellini e sorelline di altri gruppi Scout, alla marcia in memoria di Don Peppe Diana. Questi fu un bravo sacerdote, che venti anni fa fu ucciso dalla camorra.

 

Siamo partiti la mattina presto da Portici con i nostri Vecchi Lupi, Hathi, Akela, Bagheera e Baloo e i ragazzi del Clan; durante il non lungo tragitto abbiamo parlato un po’ e eravamo incuriositi e emozionati, perché sapevamo che tanti Scout avrebbero partecipato a quella giornata.

 

clan portici3Giunti a destinazione, ci siamo diretti verso la Villa comunale, luogo del raduno per l’inizio della marcia, dove già c’erano tanti scout e tanti ne stavano arrivando. Subito si è creata una bella atmosfera con tanti cerchi spontanei di bambini e ragazzi che cantavano, ballavano e facevano ban divertenti. Dopo un’oretta, quando ormai la villa era pienissima di Scout, è partita la marcia. Ogni gruppo ha mostrato il proprio striscione e anche noi il nostro, molto bello e colorato realizzato dal Clan. Lungo il percorso abbiamo indossato alcuni oggetti realizzati da noi, come occhiali e bocche di carta e tappi che avevano importanti significati per l’impegno di Don Peppe. Il momento più bello ella marcia è quando siamo passati sotto il balcone di Mamma Iolanda, la sua anziana madre e abbiamo tutti sventolato il nostro fazzolettone e cantato cori per lui.

 

L’arrivo della marcia e, dunque, il raduno finale era nel grande piazzale davanti al cimitero dove c’era un grande palco: eravamo tantissimi (alcuni dicono quasi 5000!) e dappertutto si vedevano gli striscioni colorati usati nella marcia. Dopo un po’ di musica suonata dal vivo, vi sono stati alcuni discorsi di amici e compagni di Don Peppe e di persone che in varie associazioni in quei luoghi che continuano la sua importante opera a favore della gente.

 

Dopo la pausa per il pranzo, abbiamo voluto visitare la tomba di Don Peppe, molto semplice ma con tanti disegni e biglietti colorati. Nel primo pomeriggio c’è stata la Santa Messa celebrata dal vescovo di Aversa: è stata molto intensa con bei canti, letture e una omelia interessante, ma il momento più emozionante è quando all’offertorio gli scout di Aversa, il gruppo di Don Peppe, hanno voluto portare sull’altare la sua uniforme e il suo zaino.

 

Alla fine della Messa, tanti applausi e abbracci, tanta festa e il ricordo di una bella giornata sia perché abbiamo incontrato tanti altri scout ma soprattutto perché, in questa giornata, abbiamo voluto ricordare una persona buona che tanto bene ha fatto agli altri e che, per il suo grande coraggio, ha pagato con la vita, ma ha invogliato tanti altri (come dice la nostra Promessa) “a fare del proprio Meglio per aiutare gli altri”.


 

regionali portici3
Al termine della S. Messa, nel pomeriggio, abbiamo incontrato i Responsabili Regionali, Sonia Mirigliano e Vincenzo Piccolo, l’Incaricata nazionale alla Pattuglia PNS Gabriella Patricolo e l’Incaricato regionale alla Pattuglia PNS Michele Martino. Abbiamo rivolto loro delle domande sulla marcia, ricavandone questa simpatica intervista:

 


Cosa pensi di questa giornata?
Gabriella: Sono felicissima perché c’erano tantissimi Scout e soprattutto perché penso che Don Peppe sia felice, così come la sua famiglia.

Michele: Mi sono molto emozionato oggi. Tanti sono i ricordi che porto nel cuore. Il primo è l’abbraccio degli Scout a Mamma Iolanda. Il secondo, l’aver ricoperto le mura del cimitero con tanti striscioni colorati.

Sonia: Questa meravigliosa giornata è stata un’importante manifestazione di quanto gli Scout vogliano bene a Don Peppe, alla sua famiglia ed alla sua città.

Vincenzo: Tutti gli Scout della Campania si sono raccolti qui per dire con forza che la Legge è sempre più forte della cattiveria e dell’egoismo. Noi, con il nostro esempio, possiamo fare davvero tanto.

Come era come persona Don Peppe Diana?
Michele: Don Peppino era una persona gioviale, sincera, leale e soprattutto innamorata dello Scoutismo. Era solito ripetere una frase importante: “Se devo lasciare lo Scoutismo, chiudo la chiesa”.

Perché questa festa è stata così importante?
Michele: Tutte le manifestazioni di questo tipo sono importanti, perché servono per ricordare, per non dimenticare e per farlo sapere agli altri.

Che cosa ti aspetti dopo questo evento?
Sonia: Mi aspetto che ci possa essere un bel Branco numeroso di tanti Lupetti a Casal di Principe.

Michele: Il mio desiderio è che tutti portino nel cuore questa magnifica giornata, facendone riferimento per la propria vita.

Gabriella: Il mio augurio è che tutti quanti facciamo delle belle attività nei propri quartieri per cambiare un po’ il mondo.

Che cosa possiamo fare noi Lupetti dopo questa giornata?
Vincenzo: Potete fare tante B.A…. così siamo tutti più bravi.


Che cosa ne pensi di questa giornata?
Sonia: Penso che sia stata bella, piena di gioia ed allegria.

Vincenzo: Eravamo tanti e… il favore della Giungla ci accompagni!